Anna e Mario - 16/07/2008

La mia esperienza
Il gine mi dice che ha fatto tutto quanto era possibile nell' evitare che alla 37+4 perdessi il mio bambino per morte intrauterina dopo una gravidanza per lui normale.
Nell' ultima visita effettuata alla 35+3 l' ecografia aveva evidenziato:il peso di 1713 gr.; lunghezza femore 58.7; percentile 0.12; flussimetria uterina R.I. 0.71, P.I. 1.37, S/D 3.46, DBP 81.5, percentile 0.22, HC 29.64, percentile 0.22, fetal HR 143 bpm, AC 26.75 cm, percentile 0.04, gli esami di laboratorio OK, urinocultura: positiva, per lui non dava nessuna preoccupazione in quanto diceva che andava tutto bene, invece oggi riguardando l' ecografie secondo me non andava affatto bene perchŔ era chiaro il segno di un ritardo di crescita. Per lui era tutto regolare e nello stesso tempo mi consigliava di anticipare il parto alla 38 settimana per evitare a suo dire probabili problemi che potessero sorgere visto la mia etÓ di 40 anni, il peso di 90 Kg compreso gli 11 della gestazione, la P.A. di 135/85 insieme a segni di edemi diffusi agli arti inferiori. Peraltro non mi consiglio ulteriori esami o controlli e mi prescrisse il monuril per l'infezione, il controllo della pressione ogni tre giorni e il ricovero in ospedale dopo 15 giorni (38 settimana). Io fidandomi ho fatto esattamente come mi consigliava. Purtroppo troppo tardi, infatti durante il ricovero nel fare il tracciato non trovavano pi¨ il battito cardiaco del piccolo FRANCESCO.

Ciao Anna e Mario



Privacy Policy
Ultimo aggiornamento:martedý 1 agosto 2017