Verusca - 24/03/2008

Verusca e Michel.
Il 17/01/08 alla 38+1 non sentivamo muovere il nostro Andrea. Chiedo all'ostretica del corso di preparazione al parto di controllare il battito, non lo sente, mi accompagna in ospedale dove l'ecografia conferma la morte. Medici e ostetriche si guardano, non parlano, capisco dai loro sguardi, comincia la stimolazione del parto che fa presto effetto. Ringrazio Dio che non mi abbiano accordato il cesareo perché ora mi sento pronta x riprovare, anche se Andrea è insostituibile, quel bambino che pensavo di non voler vedere e dal quale non volevo distogliere lo sguardo. Abbiamo un altro figlio di 4 anni che lo cerca, che cerca nella foto di Andrea al cimitero, le ali perché lui è un angioletto. Purtroppo mi son resa conto di essere in grande compagnia. Abbiamo scoperto che lui era perfetto, è morto perché la placenta aveva avuto un grosso infarto per una tragica fatalità, non prevedibile perché non avevo patologie al quale è di solito legato questo evento, inoltre il monitoraggio 5 gg prima era perfetto. Passo giorni migliori, giorni peggiori e son sicura che una gravidanza al più presto anche se con più ansie ci aiuterà a ritrovare il sorriso.



Privacy Policy
Ultimo aggiornamento:martedì 1 agosto 2017