Amanda - 27/07/2006

Io sono Amanda ho 28 anni e il 9 luglio 2006 ho perso il mio piccolo Federico, ero alla 40ma settimana di gravidanza. Il mercoledi 5 luglio ho fatto 40 settimane e sono andata a fare il tracciato, il mio piccolino stava benissimo, era il più vispo di tutti, ma non aveva voglia di uscire e così mi hanno rimandato a casa, il sabato mattina però sentivo che qualcosa non andava, Federico non si muoveva! Ho chiamato mio marito a lavoro e gli ho detto che andavo in ospedale a farmi controllare. In ospedale l'osterica ha cercato di farmi il monitoraggio ma non riusciva a trovare il battito, così mi hanno fatto l'ecografia, mi sono subito accorta che qualcosa non andava dagli sguardi dell'ostetrica e della ginecologa e non dimenticherò mai quella frase "ma da quant'è che non lo sente muovere....perchè qui non c'è il battito!!!", in quel momento tutto è diventato surreale. Non era possibile! Il mio piccolino! Ho avvertito mio marito che dopo poco è arrivato, ricordo di averlo guardato negli occhi e di avergli detto "Federico non c'è più" e lui "come non c'è più!", poi ci siamo abbracciati! Insieme abbiamo deciso di fare il parto naturale e così mi hanno ricoverato per procede con l'induzione, il travaglio è durato tutta la notte, ma lui è stato sempre vicino a me, poi alle 5:18 di domenica 9 luglio è nato Federico, un bel maialino di 3840 gr, biondo come il babbo e con con pochi capelli come la mamma quando è nata. Da quel giorno non riesco a darmi pace, non è possibile! Queste cose nel 2006 non possono e non devono succedere! Poi cercando degli inutili chiarimenti su internet ho scoperto questo sito, da un lato sono stata contenta di potermi confrontare con altre esperienze, dall'altra sono scoppiata in lacrime nel vedere che purtroppo non ero la sola! Sono felice di aver avuto la possibilità di raccontare la mia esperienza, perchè in questo modo si può dar voce a dei bimbi che altrimenti non avrebbero mai potuto farsi conoscere dal resto del mondo! Amanda 



Privacy Policy
Ultimo aggiornamento:martedì 1 agosto 2017