Barbara - 23/12/2005

Mi chiamo Barbara e ho 33 anni. Purtroppo ho anch'io la mia storia triste. A luglio di quest'anno, dopo un aborto a nove settimane ad aprile, sono rimasta nuovamente incinta. Non sto a descrivervi la mia felicità, perché sapete benissimo cosa si prova quando la righetta del test diventa blu, ma proprio blu blu! Così l'8 luglio è cominciata la mia ansia per quel bimbo tanto desiderato. Avevo una paura tremenda che andasse di nuovo male, invece tutto procedeva nel migliore dei modi, tranne per le nausee 24 ore su 24 e il mal di schiena. Il bimbo cresceva ed era anche più grosso di una settimana; poi il 22 ottobre, mi accorgo di piccole perdite più liquide del solito, corro all'ospedale e il mio ginecologo mi mette subito a letto sotto antibiotici e vasosuprina per le contrazioni...diagnosi: perdita di liquido amniotico dovuta ad una lacerazione del sacco. Dopo qualche giorno, sembra che le perdite non ci siano più, ma purtroppo il 28 ottobre mi viene la febbre a 39° seguita da contrazioni sempre più forti. L'ecografia vede il mio piccolino senza più liquido, ma il suo cuoricino batte ancora. E lui mi ha salvato dalla setticemia, perché ha deciso di nascere senza l'aiuto di niente e di nessuno, ma chiaramente a 23 settimane non ce la poteva fare...

Il mio bimbo è praticamente morto al momento della nascita; non è servito nemmeno il rianimatore, anche se era già pronto ad intervenire...e poi, chissà, forse se fosse vissuto avrebbe sofferto e basta per poi andare in cielo ugualmente...pare la causa sia stata un'infezione, non mia, perché io non avevo nemmeno una piccola infiammazione! Avrei voluto che fosse venuta a me...io forse l'avrei superata, lui no!

Ora Cristiano è il mio angelo in cielo e spero che mi aiuti per la prossima gravidanza.

Un pezzettino del mio cuore è con lui e lo sarà per sempre, ma l'altro pezzettino è dovuto restare vivo per il mio compagno, perché lui ha bisogno di me come io di lui, e so che insieme un giorno riusciremo ad essere, non felici, ma almeno sereni...



Privacy Policy
Ultimo aggiornamento:martedì 1 agosto 2017